La natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura raccontaLa natura racconta




LA NATURA RACCONTA

La natura racconta
storie quotidiane
in ogni piccola parte che ci circonda.

Il più delle volte inascoltate:
storie raccontate senza alcuno spettatore
che sfuggono alla nostra frenesia
e alla nostra quotidianità.

Può bastare un inchino
per osservare meglio un fiore
camminare con lentezza lungo un fiume
fermarsi un attimo sulla riva di uno stagno
alzare la testa verso il cielo
passeggiare sul versante di una montagna
guardare nell'erba del nostro prato...

E ci sembrerà di scoprire un nuovo mondo
e di essere un po' meno soli.
Imaire De Poli


IL FLUIRE

È una calamita cui non riesco a resistere...
e mi ritrovo immersa nel mio udire.
Non c'è tempo non c'è luogo...
E mi lascio fluire libera di sentire.
Monica Alberton


STORMI

Caro L.,
ti offro questa suggestione, perché
è una delle cose più commoventi
che abbia mai visto e (soprattutto) sentito.

Stavamo finendo di cenare sul terrazzo,
qualche sera fa. La nostra casa dev'essere
un punto di passaggio, perché a quell'ora
(che adesso corrisponde al tramonto)
passano stormi enormi di uccelli, in formazione
conica e in numero tale da oscurare il cielo.
Già questo, a Milano, è uno spettacolo inconsueto.

Ma la cosa che ci ha fatto rimanere
con la bocca aperta e la forchetta a mezz'aria,
è stato veder passare una serie di stormi
talmente bassi, da avvertirne il battere delle ali.
L., ti auguro di poter ascoltare un suono
del genere, prima o poi.

Un fruscio continuo, in cui non si distingue più
nemmeno la ritmica del battito, ma un solo
e lungo ffffffFFFFFFFFffffff. Più sottile
di uno stormir di foglie, più dolce
di una folata di vento. Più mistico
di qualunque invenzione umana.

In apnea, credo di aver ringraziato l'universo.
E persino Dio.
Marina Ruberto







In questa pagina del Mosaico
Ascoltare nel silenzio la Natura: foto di Imaire De Poli, testi di Imaire De Poli, Monica Alberton, Marina Ruberto (giugno 2009). Progetto grafico di Monica Alberton. Tutti gli elementi di questa pagina sono soggetti a copyright. Pubblicato su Immaginario Sonoro il 12/07/10. Altre pagine della Galleria Mosaico »
Facebook Twitter Vimeo YouTube Amazon
Invia

COMMENTI

nome
email
città
commento
codice
  Copia questo codice nel campo qui sopra: kovLSLw
 


Cristina | scritto 22/07/10

Solo nell'ultimo di questi "attimi della natura eterna" compaiono gli uomini: brevi fili d'erba sulla linea dell'orizzonte, sospesi tra cielo e mare. In silenzio, in cammino. Ed è come un alito di speranza. Grazie.

Marina | scritto 15/07/10

Ieri ho visto la prima puntata di "Life": immagini straordinarie e terribili, commentate da parole ordinarie come zanzare. Così ho tolto l'audio e, in silenzio, ho contemplato lo spettacolo della vita. Proprio come ha fatto Imaire. Come bisognerebbe fare sempre.

Monica | scritto 15/07/10

Grazie Imaire, con le tue foto riesco a ritrovare quel ritmo che la Natura - osservandola - mi insegna e che molto spesso mi suggerisce "rallenta".

Alex | scritto 15/07/10

È puro piacere rimanere qualche istante in questo spazio di pensieri e immagini. Grazie a voi tutti per questa parentesi nella frenesia quotidiana. p.s. foto semplicemente fantastiche.