"Bellezza, apri la porta del tuo giardino,
mostra al mondo la tua immagine immortale" (Rabindranath Tagore)





Colori di seta: teatro musicale


La forza dei versi di Tagore interpretati da Nicola Caruso, le canzoni di Luigi Alberton e le note della sua chitarra s'intrecciano a danze e cromatismi di luce, dipingendo quadri di grande intensità.

Musica, voce e canto dialogano sullo sfondo di un grande libro aperto, dove le luci proiettano delicati campi cromatici in continua evoluzione. Domina lo spazio scenico un albero stilizzato, opera dell'artista Luigi Berardi. Su piani diversi, tra ricchi tappeti orientali, si muovono i protagonisti e i danzatori, annullando ogni divisione con il pubblico.

Colori di seta invita all'esplorazione di sé e risveglia l’amore per il Bello e la Natura. Ci accompagna, toccando tutti i nostri sensi e le facoltà percettive, in un'atmosfera ideale dove può affiorare la nostra interiorità.


Colori di seta al Teatro di Villa Benzi-Zecchini


Lo spettacolo Colori di seta è stato rappresentato nel 2003 nella rassegna artistica "Mille e una notte" al Teatro Villa Benzi-Zecchini, Caerano San Marco (TV) - Locandina PDF

colori di setacolori di setacolori di setacolori di setacolori di setacolori di setacolori di seta



Credits

Progetto, produzione, direzione artistica: Luigi Alberton
Attore e voce recitante: Nicola Caruso
Canto, chitarra acustica e classica: Luigi Alberton
Danzatori: Pegàs Ekamba Bessa e Enrica Crivellaro

Testi poetici: Rabindranath Tagore
Canzoni, musica, ricerca letteraria: Luigi Alberton
Traduzione dei testi di Tagore: Brunilde Neroni

Audio: Paolo Bernardini
Luci: Gilberto Foschi
Scenografia: Luigi Berardi
Costumi: Monica Alberton, Manitù Atelier
Trucco: Angiola Vettori
Backliner: Leonardo Luison
Foto: Mario Guerra

Colori di seta © 2003 Luigi Alberton
Facebook Twitter Vimeo YouTube Amazon
Invia

COMMENTI

nome
email
città
commento
codice
  Copia questo codice nel campo qui sopra: eontK6E