LAB ARTI EVOLUTIVE  |  METODO  |  DOCENTI  |  FOTO


Le qualità della voce

Laboratorio per lettori e aspiranti attori sulle qualità timbriche ed espressive della voce

Ideato e condotto da Matteo Belli: attore, mimo, giullare, autore e regista teatrale




Durata: 1 domenica (10.30 - 18.00)
Quando: stiamo raccogliendo le adesioni per fissare la data del lab
Dove: nella sede di Immaginario Sonoro a Cittadella (PD), piazza Facchetti 12
(15 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria di Cittadella)
Partecipanti: 6-10 persone
Pernottamenti: (a pochi minuti a piedi dalla sede) Hotel 2 Mori. Altri: turismo.comune

Contributo: 100,00 euro + iva
Acconto: 50,00 euro (saldo in contanti il giorno del laboratorio)
Pranzo domenicale: compreso nel prezzo (vegetariano)
Info: 340 1227982 - info@immaginariosonoro.org

Pre-iscrizione: clicca su "espandi" e compila il form. Al raggiungimento del numero minimo dei partecipanti, comunicheremo la data del lab. [-espandi-]







Presentazione


Questo laboratorio si offre come momento di crescita e di consapevolezza di uno dei più antichi giochi del mondo, che tutti i bambini, prima o poi, tendono a esplorare: il gioco delle voci e delle loro infinite potenzialità espressive.

A chi è rivolto il laboratorio
A chi ama leggere ad alta voce, leggere per gli altri, raccontare fiabe... A chi, con la forza creatrice della voce, ama far vivere e danzare le parole scritte, evocare luoghi e tempi lontani, dare anima e corpo a personaggi di carta, chiamare in campo i sensi, le emozioni, la fantasia... A chi, attraverso la lettura ad alta voce, vuole esplorare le proprie potenzialità espressive, scoprendo e condividendo qualcosa di sé.

Prerequisiti
Per partecipare al laboratorio è necessario aver frequentato un corso con Matteo Belli
o avere altre esperienze di lettura espressiva.


"Un'esperienza unica alla scoperta dei suoni andando in profondità... Emergevano e fluivano modi diversi della voce alla ricerca dello spazio interiore..." Daniela Menegazzo

Lab ProsodicaLab ProsodicaLab ProsodicaLab ProsodicaLab ProsodicaLab ProsodicaLab ProsodicaLab Prosodica

"...oltre l'anatomia delle corde vocali, fino a dove scaturisce ciò che di più intimo e profondo abbiamo: la nostra voce." Silvia Bonamin



Contenuti


Il laboratorio intensivo sulle qualità della voce parlata è uno studio di alcune differenti voci che l'essere umano è capace di emettere con il proprio apparato fonatorio.

Il lavoro parte da una serie di esercizi volti all'uso di diversi elementi del nostro tratto vocale (per esempio la lingua, il palato molle, la laringe e altri), per poi passare all'esperienza di utilizzo dei risonatori. Infine, approda alla ricerca e presentazione conclusiva delle proprie voci, intese come strumenti di libertà espressiva per ognuno dei partecipanti.


Risonatori della voce
Quante voci abbiamo?
L'attore sinfonico
Un dialogo tra arte e filosofia.
I lab di Matteo Belli
Cosa facciamo e perché.

Approfondimento – I risonatori


La ricerca scientifica ed espressiva
Alla base di questo insolito "incontro con le nostri voci", c'è una approfondita ricerca svolta con l'aiuto medico e scientifico del foniatra prof. Franco Fussi. [-espandi-]

Esercizi
Il seminario si concentra sui risonatori del primo gruppo (cavità orale, faringea, nasale, vestibolare). Impareremo a utilizzare un corredo fonetico facilitante - prima con flusso aereo insonorizzato e poi in voce - per individuare più agevolmente la "chiave" di proiezione risonatoria. Per ogni risonatore scopriremo come primo passo il fonema che si può pronunciare (prima col fiato e poi col suono) e questo ci permetterà di cogliere la relativa qualità della voce. Individuato il risonatore, lo impiegheremo nell'articolazione verbale, anche variando l'altezza tonale dell'emissione.



Portare




Note

Attestato. Viene rilasciato un attestato di frequenza con il programma del Lab.
Fattura. Viene rilasciata la fattura di partecipazione al Lab.
Pranzo domenicale. Segnalaci se hai intolleranze alimentari.
Ritiro. Non verrà rimborsato l'acconto a chi non si presenta al Lab.



Tutti i LAB Arti Evolutive



MATTEO BELLI
attore, mimo, giullare, autore e regista teatrale

Uno dei personaggi più originali della scena teatrale italiana. Paragonato a Dario Fo e a Carmelo Bene, Belli è uno sperimentatore della voce, capace di usare le corde vocali come duttile strumento dalle mille sonorità. Alcuni progetti: Ora X: Inferno di Dante, Marzabotto, Il suono del paesaggio. www.matteobelli.net
Facebook Twitter Vimeo YouTube Amazon
Invia

COMMENTI

nome
email
città
commento
codice
  Copia questo codice nel campo qui sopra: BT4R9h2
 


Giuliana | scritto 23/05/11

Carissimo Luigi, ti ringrazio per avermi dato la possibilità di conoscere questo grande maestro della voce. È stata una bellissima esperienza, due giornate ricche di emozioni. Ho esplorato una parte di me poco conosciuta riscoprendo la bellezza e la forza nel vivere la dimensione della voce, voce che può trasformarsi ed esprime una moltitudine di significati.

Daniela | scritto 20/05/11

Grazie. Un'esperienza unica alla scoperta dei suoni andando in profondità. Quanti modi questi, possono essere espressi! Emergevano e fluivano modi diversi della voce alla ricerca dello spazio interiore tra: suono - respiro, dove il corpo ne era totalmente coinvolto. Il piacere ludico nella sua essenza creativa. Scomporre e ricomporre parole in suoni in cui ognuno ha trovato la sua misura espressiva, è stato un alimento che ha stuzzicato il palato. Grazie ancora per aver fatto e vissuto questa esperienza.

Matteo | scritto 19/05/11

L'immagine, visiva e sonora, della mia gratitudine e del mio affetto per tutte e per tutti Voi è quella di una fonte inesauribile, che spero continui ad alimentare questo bellissimo incontro sbocciato sabato e domenica scorsi!
Grazie di cuore!

Teresa | scritto 18/05/11

Ciao Luigi! Grazie mille a te per avermi dato la possibilità di incontrare Matteo Belli e di fare un'esperienza unica e meravigliosa!

Silvia | scritto 16/05/11

Chiamiamola emozione o come vogliamo, purché di questo si tratti: di uno slancio del cuore, di un fremito che ti scuote nel profondo, di un incontenibile, inarrestabile slancio a donarsi completamente alla vita.
Vivere profondamente le esperienze significa tingerle di arcobaleno e magia. Ieri questo è avvenuto mentre la pioggia risuonava generosa sul tetto, ovattando lo spazio attorno a noi, come se fossimo sospesi in un tempo indefinito e intensamente concentrato.
Un uomo, forse un attore, forse un pittore della voce danzava tra le parole e con le parole, tra le maschere e senza le maschere, si intrufolava rispettoso nei meandri del verbo per portarlo a risuonare nell'anima dei suoi interlocutori, estrapolando la nuda voce dagli anfratti del corpo. Con quest'uomo abbiamo scavato nell'intimità del nostro silenzio, forse in nome di un testo o forse per compiere il viaggio inverso dentro noi stessi, oltre l'anatomia delle corde vocali, fino a dove scaturisce ciò che di più intimo e profondo abbiamo: la nostra voce. Oggi sento il bisogno di ringraziare quell'uomo e chi, come lui, di mestiere anima le parole per il solo gusto di emozionare, emozionandosi. Grazie Matteo Belli.

Cristina | scritto 16/05/11

"La voce" dice Matteo durante il corso "ci riconnette con la nostra radice umana, ci ricorda, ci accorda, ci riporta al cuore". Regalarmi due giorni per ascoltare la mia voce, il mio respiro, la voce degli altri, l'esperienza di Matteo, la sua visione del mondo e dell'arte, era il dono più grande che potessi farmi. Anche da parte mia, grazie, Matteo.